Questo sito utilizza cookie propri e di terze parti per fini statistici e per facilitare la navigazione. Proseguendo nella navigazione se ne accetta l'utilizzo.


Notice: Undefined property: stdClass::$numOfComments in /home/ksourceit/webapps/q21/components/com_k2/views/item/view.html.php on line 264
Mercoledì, 24 Settembre 2014 21:42

Un locale Q21 Parte 1

Vota questo articolo
(5 Voti)

Il nostro sogno era poter arredare un locale, e in effetti ci eravamo figurati uno di quei locali trendy con il barista con il pizzetto accennato e la faccia da calciatore, ma ci hanno proposto una piadineria: ci eravamo immaginati i nostri pupazzi fra appetizer , alici del mar cantabrico e finger-food; si trattava di piadine, niente mostre di artisti pop-art umbri, biblioteca femminista, shop di oggettistica neo-dadaista, solo buonissime , semplicissime piadine.

Il nostro progetto sarebbe stato quello di unire suggestioni di archeologia industriale, cemento, tondino di ferro e ruggine ai colori e alle forme di un sogno naif: ma perché una piadineria dovrebbe somigliare per forza a un fast food americano? E’ proprio necessario?

Letto 27949 volte Ultima modifica il Mercoledì, 24 Febbraio 2016 23:38